Battaglia sulla pagina

  Il cursore lampeggia davanti ai miei occhi, m’invita – lampi neri nel cielo bianco. Io, però, questa sera non so come riempire i silenzi, l’ostilità d’una pagina immacolata. Non sempre si hanno le parole giuste o si riesce a combinare qualcosa con tutti i pensieri che s’attorcigliano e s’avviluppano sulla punta della lingua. Scivoleranno…

Vista a 1996 metri

  Era il terzo giorno che ci trovavamo in Val di Funes. Abbiamo deciso di raggiungere il rifugio delle Odle, a 1996 metri di altitudine. Abbiamo portato con noi il pranzo al sacco, una thermos di tea caldo ed uno slittino, poi siamo partiti. Il percorso si snodava in una salita dopo l’altra, sempre più…

Piccole parentesi su grandi inizi

Quando le feste passano lasciano sempre quella sensazione di appiccicoso sotto alle unghie, quella malinconia che gli anni si portano addosso e non c’è verso di scordarsela mai del tutto. Sarà l’inverno alle porte, saranno i pasti interminabili con i parenti ed i sorrisi che sanno di stantio, sarà il grigio del cielo che non…

Nel verso giusto

    La sala è in bianco e nero, la luce filtra tenue. Nella penombra ci muoviamo, ci troviamo, accenniamo qualche passo, forse un ballo. M’avvicino al tuo viso, cerco il tuo respiro che ancora sa di dentifricio e vagamente di whiskey. Il sole è tramontato da un po’, magari sta per albeggiare. Stiamo racchiusi…

“Noi siamo infinito. Ragazzo da parete” – Stephen Chbosky

  È un buon libro. Già, è un buon libro. Come fare a negarlo, quando di sottofondo c’è “Asleep” degli Smiths, ch’è la colonna sonora perfetta? Come la cassetta con le migliori canzoni di sempre che tanti hanno ascoltato mentre scoppiavano a piangere o si baciavano o avevano il cuore spezzato. Il libro… Ah!, caro Charlie….

Vivere e rivivere

  Innsbruck è come un piccolo rifugio oltre il mondo, protetta da montagne innevate e poi da dolci pianure. Il centro è tutto lì, davanti agli occhi, con i ciottoli e gli edifici pittoreschi, con il cuore diviso per gli svincoli e le vie, ed il Tettuccio d’Oro a catturare il sole e gli sguardi….

Alla rovescia

  Alla sera è un mondo silenzioso. Le tapparelle cigolano, e forse siamo spacciati. Non so. Ci servirebbe qualcosa che ci facesse respirare, che ci facesse vivere. Un motivo, un ardore, una salvezza: non so. I sentimenti più intimi vanno taciuti; il mondo va lasciato silenzioso quando è così importante. I nostri respiri restano fantasmi…

“Colazione da Tiffany” – T. Capote

    Possono esserci persone che compaiono nella vita degli altri, li trasformano, plasmano le loro certezze per portarle sul punto di cadere, di essere nuove convinzioni, nuove prospettive, nuove esistenze. Rendono diverso tutto ciò che le circonda, anche un palazzo in arenaria dall’aspetto scadente, anche un mondo che non è stimolante, e tutto ciò…

Perdersi

  Seduta a tavola, mi concentro sul bicchiere di vetro e penso un po’. Talvolta viene così semplice perdersi, che sia nel proprio rimuginare, in senso letterale o metaforico. Perdersi significa smarrirsi, non trovare più la via per tornare, non sapere dove andare – se ancora esiste un dove in cui andare, in cui tornare,…

Bilancio di una giornata di novembre

  Era una giornata nuvolosa, umida, quando abbiamo lasciato Rimini, un ultimo sguardo al mare grigio e dispiegato, per recarci a San Marino. Dietro di noi stava una località turistica deserta, pochi esercizi aperti, la vernice delle case corrosa dalla salsedine. Essere al mare nel mese di novembre, in pieno autunno, riempie il cuore di…